Vuoi stare al sicuro online? Utilizza l’autenticazione a due fattori. Ecco come

24/01/2019

Fonte: Time – Autore: Patrick Lucas Austin – patrick.austin@time.com – 23 Gennaio 2019

Le massicce e numerose violazioni dei dati negli ultimi anni dimostrano almeno una cosa: le password da sole non possono proteggerti. E come per ricordarti che il 2019 sarà altrettanto carico di problemi di sicurezza informatica come l’anno prima, la ricercatrice di sicurezza Troy Hunt ha scoperto l’ennesima grave violazione, intitolata “Raccolta n. 1”, in cui quasi 773 milioni di indirizzi email e 21 milioni di password sono stati esposti.

Prima di impazzire e ( finalmente ) eliminare il tuo account Facebook, sai che c’è un modo più semplice per proteggersi – uno che richiede solo pochi minuti di preparazione per un pò di tranquillità quando si tratta della tua identità online. Stiamo parlando dell’autenticazione a due fattori (a volte chiamata 2FA o verifica a due fattori), un processo in cui inserisci un codice di sicurezza aggiuntivo dopo aver digitato il tuo nome utente e la tua password per dimostrare che sei veramente tu. Esistono diverse forme di autenticazione a due fattori, ma tutte hanno lo stesso scopo di proteggere i tuoi account dall’essere hackerati nel caso qualcuno inserisca le tue informazioni di accesso.

PUBBLICATO DA:<br>Fabrizio Bressani
PUBBLICATO DA:
Fabrizio Bressani
Managing Director, DotForce

ARTICOLI CORRELATI

7 suggerimenti per fermare gli hacker del Wi-Fi

7 suggerimenti per fermare gli hacker del Wi-Fi

La sicurezza perimetrale non è più sufficiente per le reti di oggi. Questo perché ci sono tanti modi per aggirare il tuo robusto firewall e semplicemente entrare dalla porta sul retro. Alcuni dei metodi utilizzati dagli hacker per aggirare le difese perimetrali...

Come capire se una mail ha subito spoofing

Come capire se una mail ha subito spoofing

L'email spoofing è la creazione di e-mail con un indirizzo mittente contraffatto, e ha l'obiettivo di indurre il destinatario a fornire denaro o informazioni sensibili. Se la tua azienda utilizza un dominio registrato per la propria e-mail, è probabile che tu ne abbia...