Di Christie Ott, Rapid7 Content Marketing – 27 Luglio 2019

 

Man mano che i team di sicurezza e IT diventano più limitati in termini di risorse e tempo, il threat hunting diventa più difficile. Una nuova ricerca mostra che i criminali informatici trascorrono in media 191 giorni all’interno di una rete prima di essere scoperti. Con nuove vulnerabilità e attacchi che emergono costantemente, questo è un grosso problema, soprattutto quando si tratta di stabilire le priorità su cui concentrarsi.

La caccia alle minacce è un’attività che richiede tempo e competenze altamente tecniche e, secondo un recente studio del SANS Institute , solo un terzo delle organizzazioni ha personale dedicato alla caccia alle minacce. Come spiegato nel nostro Playbook di Security Orchestration and Automation (SOAR) , l’automazione dei processi di ricerca delle minacce, come l’identificazione di malware sospetti, domini e altri indicatori di compromissione (IoC), può liberare il tuo team per affrontare le minacce più critiche, più velocemente. Riduce gli ostacoli alla caccia e ti aiuta a identificare e dare priorità alle minacce reali, prima che colpiscano la tua rete.

Ecco quattro modi in cui gli strumenti di orchestrazione e automazione della sicurezza possono semplificare il processo di ricerca delle minacce:

1. Tieni gli occhi aperti sul tuo ambiente

Quando si tratta di ambienti cloud e ibridi, la gestione di un sistema IT illimitato e complesso è complicata. implica un alto costo del personale dedicato al monitoraggio manuale, o si rischia di perdere importanti segnali a causa del volume e della mancanza di processi. Sfruttando SOAR, puoi bypassare il ciclico accumulo di nuovi eventi di sicurezza automatizzando i flussi di lavoro per gestire le attività ripetitive senza un inutile coinvolgimento umano. Compiti come patch di routine e aggiornamenti delle password sono candidati ideali per l’automazione in grado di accelerare il programma di ricerca delle minacce.

Con le soluzioni SOAR come InsightConnect di Rapid7 , è possibile designare determinate attività da automatizzare impostando punti strategici di decisione umana lungo la strada per assicurarsi di essere nel loop e prendere le decisioni critiche.

2. Operazionalizzazione di insiemi di dati diversi

Più set di dati sei in grado di analizzare, più proattivo puoi essere nella ricerca di compromissioni. Se fatto manualmente, tuttavia, questo può essere un compito travolgente che può portare rapidamente al burnout. Oggi, le aziende stanno producendo più dati che mai, il che significa che i team di sicurezza hanno bisogno della capacità di tenere il passo e analizzarli per garantire che attività sospette non volino sotto il radar.

Con le soluzioni SOAR , è possibile aggiungere set di dati da analizzare in modo continuo senza aggiungere tempo al ciclo di ricerca. Ciò può ridurre i processi che richiedono molto tempo fino a secondi o minuti, garantendo al contempo la scansione di ogni dato e la notifica nel momento in cui viene rilevata un’attività anomala. Anche se la tua organizzazione cresce di dimensioni e complessità, SOAR può adattarsi facilmente inserendo nuovi strumenti e set di dati.

3. Automatizza le attività ripetitive

Chiedi a qualsiasi professionista della caccia alle minacce i compiti che svolge quotidianamente e probabilmente dirà che la maggior parte potrebbe essere automatizzata per liberare il loro tempo per ciò che fanno meglio: trovare e rispondere a gravi minacce. Sfortunatamente, con così tanto tempo dedicato ad attività di routine come scansioni ricorrenti, c’è poco tempo per rispondere effettivamente.

Sfruttando gli strumenti SOAR, è possibile selezionare i processi più ripetitivi e dispendiosi in termini di automazione, consentendo al team di spostare la propria attenzione su lavori più preziosi e interessanti, accelerando al tempo stesso il tempo di risposta. Le aziende spesso scoprono che spostando il focus su queste attività, i loro dipendenti potevano vedere una maggiore soddisfazione sul lavoro , portando a una maggiore fidelizzazione, che è un vantaggio enorme nel mercato della sicurezza competitivo di oggi.

4. Entra in azione più velocemente

SOAR non solo può semplificare il monitoraggio, le indagini e gli avvisi, ma può anche creare e dare il via a flussi di lavoro di risposta basati sul tipo di minaccia scoperta. L’orchestrazione e l’automazione assicurano che ogni volta venga seguito il protocollo esatto e offre agli stakeholder visibilità durante l’intero processo. ( Vedi un flusso di lavoro di esempio nel nostro SOAR Playbook. ) Questo assicura che nessuna attività scivoli tra le crepe e che nessuna delle parti interessate chiave rimanga al buio, due problemi che affliggono quasi ogni azienda.

Introduzione all’orchestrazione e all’automazione della sicurezza

L’orchestrazione e l’automazione della sicurezza sono progettate per aiutare i team a migliorare la propria postura di sicurezza e creare efficienza, senza sacrificare il controllo di importanti processi di sicurezza e IT. Il nostro nuovo SOAR Playbook mette in evidenza i casi d’uso più comuni per l’orchestrazione e l’automazione della sicurezza , compresa la ricerca delle minacce, nonché esempi di flussi di lavoro e plug-in per aiutarvi a immaginare il ruolo che SOAR potrebbe svolgere nelle vostre operazioni di sicurezza.