L’adozione di Microsoft Office 365 continua a ritmi sostenuti. Con una base di utenti così vasta, L’ambiente Office 365 è una preda redditizia per un hacker persistente che ha familiarità con il funzionamento di Office 365.

Con l’aumentare degli attacchi di ransomware e phishing, Office 365 è diventato un obiettivo primario, rendendo vitale per i professionisti IT adottare misure proattive e “a prova di hacking” dei loro ambienti O365. Microsoft ha fatto passi da gigante nella sicurezza informatica, ma i titoli continuano a segnalare innumerevoli exploit in cui gli hacker hanno minato un ambiente O365.

Se la tua azienda è passata a Office 365 come soluzione di posta elettronica, la tua posta elettronica viene ospitata in un Microsoft Data Center e molto probabilmente viene filtrata utilizzando la protezione online Exchange (EOP) di Microsofts. Sebbene il filtro antispam di Office 365 offra un ragionevole livello di sicurezza, alcune aziende lo trovano alquanto basico, e carente quando si tratta di minacce informatiche altamente sofisticate, in particolare attacchi di spear phishing avanzati e persistenti.

Nella nostra guida gratuita potrai scoprire come rafforzare la sicurezza di Office 365 contro i malware dannosi attraverso un approccio di difesa approfondito.

Questa guida esamina

  • Attacchi mirati su Office 365
  • Come rafforzare la sicurezza di Office 365 contro spam e malware
  • Protezione avanzata dal phishing
  • Protezione della posta elettronica offerta da Office 365
  • Prevenzione della perdita di dati
  • Aumento dei margini di profitto per gli MSP