Potenziare la Threat Intelligence con GreyNoise e Microsoft Sentinel

GreyNoise ha rilasciato una nuova integrazione per Microsoft Sentinel, potenziando le capacità di intelligence sulle minacce per la sicurezza aziendale. Questa integrazione fornisce ai professionisti della sicurezza preziosi insights sulle attività di scansione e ricognizione a livello di Internet. Progettata per offrire un flusso ottimizzato di indicatori di minaccia, consente l’identificazione e la mitigazione proattiva delle minacce. Gli utenti possono ora sfruttare i dati di GreyNoise all’interno delle loro query di caccia alle minacce e in qualsiasi regola di analisi.
Uno degli aspetti più entusiasmanti della nostra nuova integrazione è la combinazione senza soluzione di continuità dei dati di GreyNoise con le capacità di caccia alle minacce di Sentinel. Gli analisti hanno ora la possibilità unica e robusta di utilizzare i dati di GreyNoise durante l’indagine su potenziali modelli maliziosi e anomalie all’interno degli eventi di rete. L’integrazione consente anche di filtrare il traffico opportunistico noto durante la caccia alle minacce per identificare in modo più preciso e tempestivo attività mirate e maliziose.
Per potenziare ulteriormente le capacità di rilevamento, il nuovo pacchetto di contenuti introduce anche un insieme di regole di analisi progettate per identificare e mitigare potenziali minacce. Integrando questi indicatori nelle regole di analisi, i team di sicurezza possono adottare un approccio più proattivo nell’identificare comportamenti maliziosi noti. Con questo approccio, le rilevazioni vengono potenziate e le organizzazioni possono restare un passo avanti agli attori malintenzionati che cercano comunemente dispositivi esposti e vulnerabili, nonché applicazioni malconfigurate.
In conclusione, l’integrazione di GreyNoise con Microsoft Sentinel offre un vantaggio strategico nella navigazione del panorama della cibersicurezza. Unendo gli indicatori di GreyNoise con le regole di analisi, le query di caccia e i flussi di lavoro di automazione esistenti, gli analisti ora dispongono di un toolkit indispensabile per affrontare proattivamente le minacce in evoluzione.

Articolo originale

PUBBLICATO DA:<br>Sara Guglielmi
PUBBLICATO DA:
Sara Guglielmi
Marketing

ARTICOLI CORRELATI

Battaglia al Ransomware, un tag alla volta

Battaglia al Ransomware, un tag alla volta

Nell'ottobre 2023, nell'ambito del Ransomware Vulnerability Warning Pilot  (RVWP), il CISA ha iniziato a contrassegnare voci nel loro catalogo di Known Exploited Vulnerabilities (KEV). Questo campo indica se sono noti exploit per una determinata vulnerabilità che...