Gestione delle Informazioni vs Gestione della Conoscenza

25/09/2020
A differenza delle risorse come i contanti, tuttavia, i dati non crescono sempre di valore man mano che si espandono in volume: devono essere adeguatamente ottenuti, archiviati, protetti, puliti e messi in superficie in modo da poter essere utilizzati in modo significativo. I dati e le informazioni delle organizzazioni sono una delle loro risorse più preziose, di conseguenza, sempre più aziende stanno cercando di passare dalla gestione delle informazioni ai sistemi di gestione della conoscenza. Ma quali sono esattamente le differenze tra la gestione della conoscenza e la gestione delle informazioni? Esistono concetti e termini della gestione delle informazioni che è possibile utilizzare per aiutare la propria organizzazione a implementare la gestione della conoscenza in modo efficace?

Questo articolo risponde a queste e ad altre domande chiave che si potrebbero avere sulla gestione dei dati e sulla gestione della conoscenza.

 

Cos’è la gestione delle informazioni?

La gestione delle informazioni è la pratica di raccolta, gestione e distribuzione delle informazioni. I dati possono essere acquisiti da un’ampia gamma di fonti e possono essere disponibili in una varietà di formati. Quindi deve essere conservato in modo sicuro in modo organizzato e strutturato che soddisfi le normative e le politiche pertinenti e garantisca che sia accessibile ai dipendenti autorizzati. Una forte governance delle informazioni è essenziale per una gestione efficace delle informazioni.

 

Cos’è la gestione della conoscenza?

I dati, indipendentemente dalla sicurezza e dall’organizzazione, dimostrano il loro valore solo quando vengono utilizzati per fornire valore all’azienda. In altre parole, i bit e i byte devono essere trasformati in informazioni per essere un utile capitale intellettuale. È necessario entrare nella gestione della conoscenza: il processo di acquisizione, distribuzione e utilizzo efficace della conoscenza.

Questa definizione potrebbe far sembrare la gestione della conoscenza molto simile alla gestione delle informazioni, ma in questo contesto, la parola “conoscenza” indica una forma elaborata di informazioni che va oltre la semplice estrazione di fatti dai dati raccolti. La scoperta della conoscenza si concentra sull’applicazione delle informazioni: la creazione della conoscenza è ciò che accade quando le persone perfezionano le informazioni in qualcosa di utile.

La maggior parte delle organizzazioni ha una conoscenza sia esplicita che tacita. La conoscenza esplicita è ciò che può essere codificato in una serie di fatti, casi, linee guida, ecc. e pubblicato o distribuito in altro modo attraverso una pipeline di condivisione della conoscenza. La conoscenza tacita include intuito e intuizioni che sono più difficili da registrare. La conoscenza esplicita è solitamente incentrata sull’informazione, mentre la conoscenza tacita non lo è. Insieme, costituiscono una base di conoscenza che è un fattore chiave per il vantaggio competitivo di un’organizzazione.

 

La differenza tra gestione della conoscenza e gestione delle informazioni

Il modo più semplice per pensare alla differenza tra gestione della conoscenza e gestione delle informazioni è dire che la gestione della conoscenza è incentrata sulle persone mentre la gestione delle informazioni è incentrata sui processi. Si potrebbe anche dire che la gestione delle informazioni si concentra su fatti concreti mentre la gestione della conoscenza incorpora anche opinioni e intuizioni.

Ecco alcune altre differenze chiave tra la gestione della conoscenza e la gestione delle informazioni:

Gestione dell’informazione:

  • Sottolinea le caratteristiche esplicite delle informazioni: fatti, cifre e altri dati concreti.
  • Può essere misurato quantitativamente in tempi brevi.
  • È facile da replicare.
  • È basato sulla tecnologia.

Gestione della conoscenza:

  • Incorpora tutti gli aspetti di un’impresa, compresa la comunicazione, i quadri di gestione, la cultura organizzativa e le strutture organizzative.
  • Viene misurato dai cambiamenti nel tempo nel comportamento e nel lavoro di individui e team.
  • Porta a innovazioni uniche per l’azienda.
  • È basato sulle persone.

 

Processi chiave

Esistono quattro principali processi di gestione della conoscenza:

  • Scoperta della conoscenza (Knowledge Discovery) – estrazione di nuove informazioni dai dati.
  • Acquisizione della conoscenza (Knowledge Capture) – Trasformazione delle informazioni da tacite a esplicite.
  • Condivisione della conoscenza (Knowledge Sharing) – Condivisione della conoscenza con gli altri.
  • Applicazione della conoscenza (Knowledge Application) – Utilizzo della conoscenza per eseguire attività.

 

Tecnologie chiave

Nessun singolo software può aiutare nell’intero processo di gestione della conoscenza; si ha bisogno di strumenti diversi per compiti diversi. Secondo il blog “Strumenti di gestione della conoscenza”, la maggior parte degli strumenti può essere suddivisa in nove categorie:

  • Groupware systems
  • Intranet ed extranet
  • Data warehousing, data mining e OLAP
  • Decision Support systems
  • Content Management systems
  • Document management systems
  • Artificial Intelligence tools
  • Simulation tools
  • Semantic networks

Tutti questi strumenti dipendono dalla conoscenza e dalle informazioni opportunamente classificate e contrassegnate, quindi è necessaria anche la tecnologia per l’individuazione e la classificazione dei dati. Sebbene alcuni strumenti di gestione della conoscenza offrano alcune di queste funzionalità, una soluzione specifica come Data Classification di Netwrix fornirà risultati più affidabili e accurati.

 

Conclusioni

La gestione della conoscenza e la gestione delle informazioni differiscono per ambito e scopo, ma entrambe sono essenziali per le organizzazioni moderne. Il processo chiave è classificare e categorizzare i dati e le conoscenze per renderli rilevabili e recuperabili, garantendo la sicurezza e la conformità normativa.

 

 

Ryan Brooks
Ryan Brooks

Product Evangelist at Netwrix Corporation

Product Evangelist presso Netwrix Corporation, scrittore e presentatore. Ryan è specializzato nell’evangelizzare la sicurezza informatica e promuovere l’importanza della visibilità sui cambiamenti IT e l’accesso ai dati. In qualità di autore, Ryan si concentra sulle tendenze della sicurezza IT, sui sondaggi e sugli approfondimenti del settore.

Webinar - 30/11/2022, 10:30 AM

Scopri i vantaggi di una soluzione unificata di gestione degli endpoint
PUBBLICATO DA:<br>Fabrizio Bressani
PUBBLICATO DA:
Fabrizio Bressani
Managing Director, DotForce

ARTICOLI CORRELATI

7 suggerimenti per fermare gli hacker del Wi-Fi

7 suggerimenti per fermare gli hacker del Wi-Fi

La sicurezza perimetrale non è più sufficiente per le reti di oggi. Questo perché ci sono tanti modi per aggirare il tuo robusto firewall e semplicemente entrare dalla porta sul retro. Alcuni dei metodi utilizzati dagli hacker per aggirare le difese perimetrali...