Azure AD DNS Filtering: Cos’è e quali sono i vantaggi?

07/09/2021
Il cloud computing e il lavoro a distanza hanno portato a attacchi informatici via web, apparentemente senza fine. Ma in un recente report pubblicato da una azienda leader nel PAM, quasi tre quarti degli hacker black hat hanno affermato che la sicurezza tradizionale del firewall e dell’antivirus non poteva fermarli. Poiché queste misure di sicurezza tradizionali si adattano per contrastare gli attacchi informatici, le tattiche di hacking collaudate, come il phishing e il malware drive-by-download, si trasformano per eludere il rilevamento.

Un metodo alternativo per bloccare alla fonte gli attacchi informatici via Web, è il filtro DNS che può essere profondamente integrato con Microsoft Azure Active Directory (AD) per offrire il filtro DNS di Azure basato sull’accesso a livello di utente. Qui spieghiamo cos’è, come funziona e quali vantaggi offre a un’azienda oltre alle tradizionali misure di sicurezza.

Cos’è un DNS? E dove si adatta Microsoft Azure?

Un DNS (Domain Name System) è alla base di Internet, mappando un nome di dominio leggibile dall’uomo su un indirizzo IP leggibile dalla macchina (IP sta per Internet Protocol), ad es.

https://wtc1.webtitancloud.com:8443
viene risolto in
52.32.39.15

Quando un utente digita un indirizzo web in un browser, un “risolutore DNS” abbina questo dominio a un indirizzo IP utilizzando i server DNS. In altre parole, il sistema DNS risolve l’indirizzo e lo associa all’indirizzo IP. Questo indirizzo IP viene utilizzato per effettuare la connessione tra il dispositivo e l’indirizzo IP prima di caricare il contenuto.

Oggetti come un dispositivo mobile di un lavoratore remoto, hanno anche un indirizzo IP. I miliardi di oggetti, persone e siti Web dipendono tutti da un DNS funzionante per fornire contenuti e dati.

Un DNS è altamente distribuito e non si basa su un singolo server. I domini in Azure sono ospitati su una rete globale di server dei nomi DNS gestiti dall’infrastruttura cloud di Azure. L’intero sistema è configurato per ottimizzare la velocità e l’alta disponibilità per un determinato dominio. Gli amministratori di Azure usano DNS di Azure per i servizi tra cui hosting di siti Web, applicazioni, API, hosting di servizi cloud e gestione della zona DNS.

Cos’è il filtro DNS di Azure?

Il filtro DNS è un metodo utilizzato per impedire agli utenti di accedere a determinati siti Web o indirizzi IP. Questo è importante in quanto tattiche come il phishing e i siti Web infetti da malware sono metodi di attacco informatico di successo che utilizzano Internet. Il filtro DNS funziona insieme al sistema DNS. Quando un resolver DNS è configurato per bloccare un determinato indirizzo IP, aggiungendolo a una “block list”, a un utente viene impedito di navigare verso quell’indirizzo IP. In genere, questa blocklist contiene siti Web dannosi. Allo stesso modo, un filtro DNS può anche consentire la visita a determinati siti Web, inserendoli in una “white list” di siti sicuri da usare. Il filtro DNS può essere applicato anche in base al dispositivo, ad esempio applicando criteri di filtro agli utenti Chromebook del settore educativo. Il filtro DNS di Azure può essere applicato a servizi ospitati specifici di Azure per creare zone sicure a cui gli utenti possono accedere.

DNS Filtering basato su Azure Active Directory (AAD)

Azure AD è una directory che può essere usata per applicare il controllo degli accessi in base al ruolo. Il filtro DNS di Azure usa criteri che si estendono a un’intera organizzazione, applicando e monitorando i filtri usando questi criteri applicati all’appartenenza al gruppo AD. WebTitan, ad esempio, è profondamente integrato con Azure AD, utilizzando un’app Azure AD Enterprise per analizzare qualsiasi accesso di Azure per trovare nuovi utenti. Questi utenti vengono quindi associati all’IP di qualsiasi macchina virtuale utilizzata per l’accesso e vengono applicati criteri di sicurezza e di accesso come appropriato.

Vantaggi dell’utilizzo del filtro DNS di Azure

Una soluzione di filtraggio DNS basata sull’intelligenza artificiale, come WebTitan, utilizza tecniche avanzate come l’apprendimento automatico, per assicurare protezione anche dalle minacce zero-hour. Se integrati con Azure AD, i criteri di sicurezza necessari per gestire e controllare l’accesso dei dipendenti possono essere applicati automaticamente e gestiti da remoto. Una soluzione di filtraggio DNS, in particolare una che può adattarsi selettivamente alle minacce zero-hour, offre importanti vantaggi per proteggere le organizzazioni da attacchi informatici via web:

  • Blocca dinamicamente l’accesso al sito web inappropriato o dannoso
    I siti Web infetti da malware vengono utilizzati come esca per attirare gli utenti e infettare tutti i dispositivi che si connettono all’indirizzo IP del dominio dannoso. Altri siti potrebbero contenere materiale inappropriato. Gli utenti sono incoraggiati ad aprire tali siti utilizzando tecniche di ingegneria sociale. Se un utente accede a un sito dannoso, il codice dannoso sfrutta le vulnerabilità nei browser senza patch o configurati male, infettando il dispositivo con malware.Può essere difficile per le soluzioni antivirus o antispam tradizionali prevenire l’impatto di questi siti poiché emergono nuove varianti progettate per eludere il rilevamento da parte delle misure di sicurezza tradizionali. Una delle tattiche più recenti consiste nell’usare le app di Azure come vettore per l’infezione da malware o il furto di credenziali. Gli hacker usano app di Azure dall’aspetto realistico ma dannose per incoraggiare gli utenti a navigare in un sito Web controllato da un utente malintenzionato per eseguire l’attacco completo. L’uso di un filtro DNS blocca attacchi come questo interrompendo il percorso verso il sito Web dannoso. Utilizzando un filtro DNS basato sull’appartenenza ad Azure AD, un’azienda può mappare in modo rapido e dinamico un utente o un ruolo di Active Directory per interrompere l’accesso a siti Web dannosi nuovi e consolidati.
  • Blocca i siti Web di phishing
    Nel 2020 il 75% delle organizzazioni ha subito un attacco di phishing. Questi attacchi spesso iniziano con l’incoraggiamento dell’utente a visitare un sito Web di phishing. Una volta che l’utente entra in quel sito dannoso, le credenziali di accesso, i dati e/o l’accesso alle risorse aziendali sono a rischio. La tecnologia intelligente basata sull’intelligenza artificiale garantirà che anche le minacce zero-hour siano mitigate.
  • Blocca l’infezione da ransomware e il furto di dati
    Il ransomware è il malware del momento. Il ransomware non riguarda più la crittografia dei dati e l’estorsione di denaro per una chiave di decrittazione. Ora, secondo IBM X-Force, il 59% degli incidenti ransomware include anche l’esfiltrazione dei dati, i dati rubati vengono quindi utilizzati per fare pressione sulle organizzazioni affinché paghino. Tuttavia, anche se viene pagato un riscatto, non vi è alcuna garanzia che i dati rubati non vengano venduti e utilizzati per frodi. Il ransomware, spesso, infetta un’azienda tramite e-mail di phishing e siti Web infetti. Il Verizon Data Breach Investigation Report (DBIR) afferma che nell’85% delle violazioni dei dati è coinvolto un essere umano, di solito navigando su un sito Web infetto o facendo clic su un collegamento in un’e-mail di phishing. Il filtro DNS di Azure impedisce ai membri di Azure AD di diventare parte dell’85% degli esseri umani che aiutano la propagazione delle infezioni ransomware.
  • Proteggi i dispositivi
    Il lavoro a distanza e da casa, ha fatto sì che i dispositivi personali venissero utilizzati per le attività lavorative. Tuttavia, i dispositivi personali sono molto più difficili da proteggere poiché le policy sono più difficili da applicare e gestire in remoto. Usando un filtro DNS di Azure AD che usa agenti basati su dispositivi gestiti in remoto, anche i dispositivi personali possono essere protetti da infezioni da software dannoso.
  • Semplice da configurare e utilizzare
    Infine, qualsiasi filtro DNS deve essere facile da configurare e configurabile in remoto per una forza lavoro basata su cloud/remota. Gli ambienti cloud cambiano continuamente, aggiungendo nuove app e nuovi endpoint, che richiedono policy appropriate per ambienti diversi. I filtri DNS devono essere facili da impostare, configurare e modificare. I filtri dei contenuti basati su API consentono la configurazione e il monitoraggio remoti. Il mapping di Azure AD all’accesso al sito Web offre un modo semplice per creare criteri di sicurezza in base a utente/per ruolo.Applicando il potente controllo del filtro DNS integrato in Azure AD all’accesso al Web, un’organizzazione può migliorare la propria postura di sicurezza e ridurre i rischi relativi al Web. Un filtro DNS offre a un’organizzazione un modo per migliorare la navigazione web sicura della sua forza lavoro, prevenendo il furto di dati e credenziali, ransomware e altri attacchi informatici, nonché l’uso inappropriato del web.

 

Contattaci per una trial della soluzione di filtraggio DNS di WebTitan e scopri come si integra direttamente con Azure AD.

PUBBLICATO DA:<br>Domenico Panetta
PUBBLICATO DA:
Domenico Panetta
Presales Technical Engineer

ARTICOLI CORRELATI